Carburanti politicamente corretti

Caro carburati. Dettagliatissimo report del Sole 24 Ore: quanto sale il prezzo diesel IP, quanto Tamoil; prezzi medio, minimo e massimo della benzina in autostrada e in città, servito e self service; senza affatto dimenticare GPL e metano. Colpa dell’embargo del petrolio russo, si sbilancia Il Giorno, riportando una altrettanto dettagliata mappa degli aumenti. Per fortuna Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, ha in tasca la magica (e moralmente equa) ricetta: bloccare le speculazioni e tornare ai prezzi amministrati, finché non sarà finita questa pazzia: la farina manca, ma comunque il pane deve costare poco. Dello stesso tenore, più o meno, l’indipendente stampa (es., newsauto). Nessun cenno al nettamente preponderante carico fiscale, dolorosamente necessario, ma evidentemente ineludibile, causa il solito pubblico interesse. L’inarrestabile ascesa del politicamente corretto ha sistemato pure i carburanti.