Pubblica convenienza


Intestazione2.png

 

Santin.jpg

(Santin)

Il premier Giuseppe Conte ha preso posizione sulla discussa questione TAV (Treno Alta Velocità) in Val di Susa: “Non realizzarla costa molto di più che completarla

Riassumendo: l’analisi costi/benefici insegna che un’opera è conveniente se i benefici sono maggiori dei costi. In caso di opera pubblica, invece, un’opera è conveniente se a farla ci perdi meno che a non farla.

 

Costi/benefici/costi

Intestazione2.png

occulto.jpg

(AGJ)

L’analisi costi/benefici  è la linea guida dell’operatore economico, che cerca di scegliere il giusto mix di costi che gli consenta di massimizzare i profitti. La qualità di quest’analisi si misura in termini di profitto. 

L’analisi benefici/costi è la linea guida dell’operatore politico, che privilegia le scelte che producono il più alto profitto a se stesso, ai propri amici e magari al “bacino elettorale di riferimento”. La qualità di quest’analisi si misura nell’abilità di non creare  eccessivo “scontento”, occultando i costi delle scelte, sparpagliati nella “platea” dei contribuenti (“bacino elettorale” compreso). L’impatto dei costi sociali in genere non viene minimamente stimato.