La domanda sbagliata

Il vulcanico imprenditore Elon Musk (quello della Tesla), per quarantaquattro miliardi di dollari ha acquisito Twitter, il social che, dopo l’assalto a Capitol Hill, aveva messo al bando Donal Trump per istigazione alla violenza. Bando peraltro dallo stesso Musk definito, senza mezzi termini, moralmente sbagliato ed estremamente stupido. Il non meno vulcanico Trump, dal  canto suo, da un lato era ricorso al giudice, sostenendo che il social aveva violato il primo emendamento della Costituzione sulla libertà di parola, agendo sotto minaccia politica di una regolamentazione punitiva; dall’altro aveva fondato la piattaforma Truth Social; né al momento pare intenzionato a ritornare su Twitter. Il giudice, a sua volta, aveva respinto il ricorso di Trump; il motivo ben lo spiegano, delle colonne del confindustriale Sole 24 Ore, Giusella Finocchiaro ed Oreste Pollicino: nei rapporti orizzontali tra privati, il potere pubblico fa un passo indietro in nome della tutela, pietra angolare su cui si costruisce l’intero ordinamento statunitense, della libertà dell’individuo. Peraltro, grazie a Musk, ipoteticamente Donald Trump potrebbe impunemente tornare ad incitare alla violenza, con grande disappunto dei due solari suddetti cronisti, timorosi dei devastanti effetti di un liberismo digitale senza freni (con buona pace della pietra angolare della libertà dell’individuo). Questa, a loro parere, la domanda: Twitter, rimuovendo l’account di Donald Trump ha esercitato, pur rimanendo un soggetto privato, delle funzioni assimilabili a quelle che spettano [legittimamente: n.d.r.] allo Stato? E giù un profluvio di supercorrette considerazioni sull’auspicabile equiparazione tra attori statali e piattaforme digitali private. In preda alla sacrosanta foga del sacrosanto controllo statale nel sacrosanto solito pubblico interesse, i due compari non hanno minimamente immaginato che la domanda giusta era un’altra: è lecito che lo Stato, rimuovendo l’account di Trump, si arroghi il diritto a discriminare, che spetta legittimamente solo ai privati?