Ciro della montagna

Pellegrino: Per il Verano non riesco mai a prendere il 542!

Ciro: Va buono ‘o primmo ca capita, ma nun si tu ch’ja’ prennere l’autobus, è l’autobus ch’adda acchiappa’ a te!

Pellegrino: So che la felicità esiste, perché non la trovo mai?

Ciro: Pecché ‘e comme ‘na banconota ‘e duecent’euro!

Pellegrino: Non riesco a levarmi il vizio. Come posso fare a meno delle sigarette?

Ciro: Trasi dint’all’area fumatori e abbi a respira’!

Pellegrino: Ma se la Lega è una costola della sinistra, cosa è la sinistra?

Ciro: È ‘a vallera d’e cinche stelle!

Pellegrino: Sono tre anni che lo Stato non mi paga! A quale PEC devo spedire il reclamo?

Ciro: Aruba!

Pellegrino Chi mi proteggerà dall’ingiustizia?

Ciro: Se sei ricco, ‘e danare, si crire ‘o Pateterno, ci’adda pennsa’ Isso!

Pellegrino: E se non ho né ricchezze, né fede?

Ciro: E allora stai ‘nguaiato! Ci adda pensa’ ‘o guverno!

Pellegrino: O Saggio Ciro, da dove vengo, chi sono, dove andrò?

Ciro: 1 Vieni d’e scale d’’a casa toja 2 Si uno che tiene temp’a perdere 3 Vattenn’addò vuo’ tu, basta ca te ne vai primm’’e mó!

Pellegrino: Almeno fatti pagare!

Ciro: Strunz’! E nun ‘o saje che ‘ncopp’a muntagna ‘o pos nun acchiappa?

(Nicola Brusco)