‘A profezzìa de Trilussa

Intestazione2.png

dimasindac.jpg

(Il blog delle stelle)

TRILUSSA: L’ape, er baco e lo Scorpione (1916 o forse addirittura 1909)

Un’Ape, ne l’uscì dall’osteria

con un Baco da seta e ’no Scorpione,

je disse: – Grazzie de la compagnia:

spero de rivedevve a casa mia

in un’antra occasione.

Io, però, nun ricevo che a la sera

perché lavoro e tutta la giornata

fabbrico er miele e fabbrico la cera.

– Pur’io fatico e filo Dio sa quanto,

– fece er baco da seta – e nun me resta

libera che la festa…

– Su la tabella der portone mio

– je disse lo Scorpione – ce sta scritto:

“Cammera del Lavoro”. Lì sto io.

Per me qualunque giorno è indifferente,

so’ pronto a fa’ bisboccia a qualunq’ora:

venite puro su liberamente…

– E voi che fate? – Gnente,

ma organizzo la gente che lavora.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...