Brexit e mia moglie

Intestazione2.png

Schermata 2017-08-25 alle 18.58.14.png

(Krancic)

Brexit (l’uscita della Gran Betagna dall’Unione Europea) procede a rilento: a marzo è prevista la notifica ufficiale della intenzione di di uscire dall’Unione (e meno male, se no chi se ne accorgeva?) e, come recita l’articolo 50 del trattato, se dopo due anni le parti non avranno raggiunto un accordo, i trattati con Londra non avranno più valore. Un punto spinoso della trattativa, che si prevede durerà ben più di due anni, sarà il debito Gran Bretagna verso l’Unione: circolano stime dai 40 a 60 miliardi di euro (di più all’europopolo bue non è dato sapere). E se non ci pagano, che facciamo? Gli mandiamo Equitalia?

Con mia moglie siamo ai ferri corti. Le ho proposto una separazione bonaria, ma lei mi ha risposto stizzita: “Ci vediamo in tribunale!” (per la precisione: “E facimme ‘a giudiziale!) Porca miseria! Qua a divorziare fa prima la Gran Bretagna!

(Continua)

(Puntata precedente)

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Brexit e mia moglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...